BALI FAI DA TE: i nostri consigli per organizzare il viaggio

Bali per molti rappresenta una meta da sogno e organizzare un viaggio in quest’isola meravigliosa senza appoggiarsi ad agenzie può sembrare una follia.
Eppure è più facile di quanto sembri e Bali è una destinazione più economica di quanto si pensi!

COME RAGGIUNGERE BALI
Dall’Italia si può raggiungere l’aeroporto di Bali Denpasar con le principali compagnie internazionali, tra cui Singapore Airlines, Qatar Airways, Emirates con scali a Singapore, Dubai, Doha o Bangkok.
Vi consiglio di prenotare con almeno 4/5 mesi di anticipo consultando le varie opzioni su Skyscanner, in modo da trovare offerte convenienti.
Noi abbiamo scelto la Singapore Airlines da Milano Malpensa, in quanto il nostro viaggio prevedeva poi qualche giorno nella città stato più famosa d’Asia. Ci sono volute circa 16 ore per raggiungere l’isola, incluso lo scalo a Singapore.
Ci siamo trovati benissimo con questa compagnia: sedili larghi e comodi, ampia scelta di giochi e film, cibo abbastanza buono e servizio di bordo impeccabile con le hostess che passano spesso con acqua e snack vari.

QUALI DOCUMENTI SERVONO
Il visto non è necessario per viaggi inferiori ai 30 giorni; l’importante è avere con sé un passaporto che abbia una validità di almeno 6 mesi dal momento del vostro arrivo nel Paese.
Non si tratta di un documento vero e proprio ma ci tengo a ricordarvi di stipulare una buona assicurazione di viaggio, utile per qualsiasi evenienza. Noi ci siamo affidati a “Columbus” pagando 60 euro a testa per 16 giorni di viaggio totale.
Come per ogni viaggio consiglio poi di portare con voi fotocopie dei vostri documenti d’identità; non si sa mai ;)

VACCINAZIONI, SI O NO?
Le vaccinazioni a Bali non sono obbligatorie. Prima di partire noi siamo stati all’ASL del nostro comune per una consulenza con l’ambulatorio del viaggiatore internazionale, dove ci hanno consigliato alcune vaccinazioni tra cui Tifo, Epatite A ed Encefalite Giapponese. Sono tutte vaccinazioni evitabili ma abbiamo preferito farle in quanto, alcune di queste, durano per molti anni e sono quindi valide anche per viaggi futuri.
Consiglio di portare con voi un buon spray anti zanzare, anche se noi ad agosto ne abbiamo viste veramente pochissime.

DOVE DORMIRE
Il mio consiglio è quello di soggiornare a Ubud, base perfetta per le vostre escursioni in giro per l’isola.
Basta collegarsi al sito di Booking.com per trovare la soluzione migliore adatta alle vostre esigenze; dai resort agli ostelli. Ce n’è per tutti i gusti e per tutte le tasche!
Noi siamo stati al Pajar House Ubud & Villas (ve ne parlo qui), in una bellissima villetta con vista sulle risaie, a circa 70 euro a camera inclusa la colazione, l’uso delle piscine e la navetta per il centro.
Se avete diversi giorni a disposizione consiglio poi di spostarvi sulle spiagge di Kuta o Seminyak per poter visitare il sud dell’isola. Noi abbiamo preferito continuare a rilassarci tra le risaie di Ubud concedendoci qualche giornata di tuffi in piscina e massaggi balinesi, e lasciare il più turistico e affollato sud per un prossimo viaggio.

DSC00793

COME MUOVERSI A BALI
Esistono principalmente 3 modi per muoversi sull’isola:
Noleggiare uno scooter
Noleggiare un auto
Noleggiare un auto con autista privato
Noi non ce la siamo sentita di metterci alla guida sulle strade strette e trafficatissime di Bali. Ci siamo quindi affidati a Dede, guida e autista privato che ci è stato messo a disposizione direttamente dal nostro hotel.
Se come noi non vi sentite sicuri alla guida in un paese straniero, vi consiglio di chiedere al vostro albergo o alle numerose agenzie presenti sull’isola, un aiuto per organizzare spostamenti ed escursioni con un driver a vostra disposizione, o da condividere con altri turisti.
I prezzi dipendono dalle distanze percorse ma noi al massimo abbiamo speso 50 euro al giorno.
Per i brevi spostamenti dall’hotel al centro di Ubud o per l’aeroporto di Denpasar, ci siamo invece affidati al servizio navetta del nostro albergo. Altrimenti potete tranquillamente contattare un taxi.

QUANTI GIORNI STARE A BALI
Noi ci siamo stati 6 notti e volendoci anche rilassare un pochino, non sono bastate per vedere tutta l’isola. Se ne avete la possibilità consiglio di rimanerci per almeno 10. 
Abbiamo abbinato il soggiorno a 5 notti a Singapore. In alternativa si possono raggiungere le paradisiache Isole Gili, distanti un’ora e mezza da Bali. Per l’estate 2018 abbiamo preferito evitarle in quanto mentre organizzavo il viaggio avevo sentito notizie riguardati un aumento dell’attività sismica in quelle zone. Durante il nostro soggiorno a Ubud si è poi infatti verificato il terremoto del 5 Agosto a Lombok che ha causato parecchi danni anche sulle isole Gili, tanto che diversi turisti vi sono rimasti bloccati per qualche giorno. Per questo motivo consiglio di tenere monitorato il sito Viaggiare Sicuri della Farnesina e di usare un po’ di buon senso ;)

METEO A BALI. COSA METTERE IN VALIGIA
A Bali fa caldo tutto l’anno. Da novembre a marzo è il periodo delle piogge, mentre da aprile ad ottobre è stagione secca. Nonostante fosse stagione secca, durante la nostra permanenza sull’isola ad agosto ha piovuto spesso. Quindi consiglio di portare oltre ad abiti leggeri, accessori anti pioggia e qualche felpa. Dopo i temporali fa abbastanza freddo.
Allo stesso tempo portate con voi creme solari con alta protezione. Quando il sole decide di deliziarci con la sua presenza, scotta eccome!

DSC01096 2

VALUTA E SIM TELEFONICA
La valuta è la rupia indonesiana ma accettano pagamenti con Bancomat e carte di credito un po’ ovunque. A Ubud ci sono tantissimi uffici in cui potrete cambiare i vostri soldi (sconsiglio di farlo in aeroporto) o punti ATM in cui poter prelevare.
Per quanto riguarda la SIM noi abbiamo optato per la simPATI di Telkomsel,per avere Giga e sfruttare così internet. 

Spero che queste informazioni vi siano utili per organizzare un viaggio in totale autonomia. Per consigli su cosa vedere e come organizzare le escursioni, vi rimando a questo link in cui vi mostro il nostro itinerario completo.

Buon Viaggio!

 

This entry was posted in Italiano. Bookmark the permalink.

Comments are closed.