Aspettando le gare

Sebastio Francesco, Sara Cutini e Matteo Falera, Tunisi, settembre 2018

Sebastio Francesco, Cutini Sara e Matteo Falera, Tunisi, settembre 2018

Tunisi è una città da oltre un milione di abitanti ed è la capitale della Tunisia. Costruita su delle colline che digradano verso il lago omonimo, era nei tempi antichi, un modesto villaggio non lontano dalla ben più famosa ed importante Cartagine. Solo a partire dal 1200, durante la dinastia Almohadi, diventoò la capitale del regno e venne poi confermata come tale il 20 marzo 1956 quando la Tunisia diventò un paese indipendente dopo quasi 80 anni di dominio francese.

E’ una metropoli ricca di storia e di testimonianze del passato che si fondono con molti elementi della tradizione che si osservano soprattutto sulla sua Medina (diventata Patrimonio dell’Umanità UNESCO nel 1979), il centro storico e nevralgico della città e con gli aspetti della modernità evidenziati dai nuovi sviluppi urbani e dalla presenza di centri di cultura (le maggiori università) e da una rete infrastrutturale di tutto rispetto (come la metropolitana leggera costruita negli anni ’80).

Tunisi è oggi una città viva e in movimento che mostra la bellezza delle città del nord Africa e tutte le complessità delle metropoli moderne.

In questa verticale a tre troviamo Francesco Sebastio, atleta della ginnastica Francavilla, Sara Cutini, ginnasta della Artistica Porto Sant’Elpidio e Matteo Falera e atleta della Ginnastica Agorà. I tre sono a Tunisi in rappresentanza dell’Italia in occasione dei 3rd Mediterranean AER Champhionships in corso a Tunisi dal 21 al 23 settembre.

Francesco, che ringrazio (naturalmente il ringraziamento va anche a Sara e Matteo) veramente di cuore, mi ha inviato questa foto, dall’albergo, poche ore prima dell’inzio delle qualificazioni (in corso in queste ore).

Con loro il tecnico Emiliano Granzotto, un amico, che saluto con grande affetto.

Che dire…. gamba ragazzi! Vi seguiamo!

This entry was posted in Italiano. Bookmark the permalink.

Comments are closed.